25 MARZO 2018. PONTISOLA-CARAVAGGIO:1-0.

Pontisola: Pennesi, Mosca, Pellegrinelli, Pedrocchi, Ientile, Rondelli, Ruggeri, Mandelli, Recino (45’ st Piacentini), Ferreira Pinto, Signorelli (21’ st Perego). A disposizione: Falciglia, DeToma, Carrieri, Remuzzi, Sow, Rota, Cugini. All. Curioni.

Caravaggio: Tognazzi, Vezzoni (38’ st Granillo), Mangili (38’ st Murati), Zanola, Ghidini, Alushay, Redaelli (17’ st Careccia), Lamesta, Lella, Crotti (38’ st Baldrighi), Tomas (13’ st Comelli). A disposizione: Pala, Tremolada, Moreo, Pagliari. All. Porto. 

Arbitro: sig. Maggio (Sez. Lodi).

Assistenti: sig. Galimberti e Donadello (sez. Seregno).

Reti: al 35’ st Ferreira Pinto (rig).

Note: Ammonizioni: Vezzoni, Ghidini, Alushay (C). Giornata soleggiata ma fredda. Campo in condizioni sufficienti. Spettatori 250. Calci d'angolo: 4 a 2 per il Pontisola. Recupero 1’+ 4’.

Ponte San Pietro. Il Caravaggio esce sconfitto dal “Matteo Legler” per 1 a 0. Sconfitta immeritata decisa da una decisione infausta dell’arbitro che si inventa un calcio di rigore a favore dei locali, fra lo stupore di tutti gli spettatori. La partita è apparsa priva di emozioni. I biancorossi giocano meglio nel primo tempo con alcune conclusioni che non impegnano, più di tanto, l’ex portiere Pennesi. Da segnalare, al 45’, un tiro, dal limite di Zanola che esce di un soffio alla destra del portiere locale. Nella ripresa si nota una maggiore pressione dei locali che, al 6’, potrebbero passare in vantaggio con Recino che però si mangia il gol concludendo sopra la traversa. Quando la partita volge al termini con un pareggio che accontenterebbe tutti, ecco che il sig. Maggio si erge a protagonista fischiando un calcio di rigore che nessuno ha visto in quanto l’intervento di Alushay era sulla palla e non su Recino che gli è franato addosso. Dopo le vibranti proteste dei biancorossi, Ferreira Pinto trasforma la massima punizione dando la vittoria ai suoi.

“Un punto perso non per colpa nostra, questo è il commento di mister Bolis. Avevamo studiato e organizzato la partita in modo da non subire le qualità tecniche degli avversari ed eravamo quasi arrivati al nostro intento. Poi una decisione assurda, dal mio punto di vita, ha deciso l’incontro lasciando l’amaro in bocca ai miei ragazzi che, finora, avevamo ben figurato sul campo dei Blues”.

18 MARZO 2018. CARAVAGGIO-DRO:1-1.

Caravaggio: (3-4-2-1) Dominici 00; Alushay 94 (8’ st Baldrighi 97), Ghidini 87, Zanola 89; Careccia 98 (8’ st Tremolada 98), Moreo 95 (8’ st Inacio 83), Lamesta 96, Murati 98 (40’ pt Buzhala 97); Crotti 89, Tomas 98 (32’ st Iafreni 99); Lella 88. A disposizione: Pala 98, Redaelli 92, Pagliari 99, Vezzoni 99. All. Bolis. 

Dro: (4-4-2): Perfetti 99; Stroppa 98, Giannetti 93, Tobanelli 88, Farimbella 97; Pilenga 96 (30’ st Grossi 97), Bertoldi 93, Mengoli 98 (48’ st Kumrija 98), Som 88; Aquaro 84, Casolla 92. A disposizione: Chimini 93, Corradini 00, Pellegrini 99, Caldini 00, Aiello 99, Mauceri 99, Karamoko 95. All. Tosi.

Arbitro: sig. Gregoris (Sez. Pescara).

Assistenti: sig. Cremona e Bernardini (sez. Genova).

Reti: 8’ pt Casolla (D), 44’ st Crotti (C).

Note: Ammonizioni: Lamesta (C), Stroppa (D). Espulsione: 20’ st Buzhala (C) per doppia ammonizione, Mister Bolis (C) ed il D.S. Petrollini (D) per proteste. Giornata piovosa e fredda. Campo in buone condizioni. Spettatori 150. Calci d'angolo: 6 a 3 per il Caravaggio. Recupero 1’ + 5’.

 

Caravaggio. Un pareggio fra i biancorossi ed il Dro, per 1 a 1, lascia un po’ di rammarico fra i tifosi arrivati sugli spalti nonostante la giornata inclemente. Subito in vantaggio gli ospiti che passano in vantaggio dopo soli 7 minuti con un gran colpo di testa di Casolla che anticipa tutti e sospinge la palla in fondo al sacco. A questo punto ci si aspetterebbe la veemente reazione dei nostri che invece, nell’impostazione del gioco, non riescono ad esprimere le loro potenzialità. Dominio territoriale dei biancorossi che però non riescono a raggiungere il pareggio se non nel finale. Al 43’ Crotti della ripresa entra in area di rigore e Bertoldi lo stende. L’arbitro decreta la massima punizione che lo stesso Crotti realizza un minuto dopo. Ora, nelle prossime partite, dobbiamo ritrovare la concentrazione per cercare di guadagnare i punti necessari per guadagnare quella salvezza, in tempi rapidi, che questi ragazzi meritano.

15 MARZO 2017. NUOVO RESPONSABILE SETTORE TECNICO GIOVANILE.

Demis Tresoldi sarà il nuovo Responsabile Tecnico del Settore Giovanile del Caravaggio.

La sua storia calcistica è molto semplice e si è sviluppata nella bassa bergamasca. Inizia circa 16 anni fa cominciando a fare l’allenatore dei pulcini all’Oratorio Calvenzano fino a diventarne Responsabile Tecnico. Dopo 8 anni passa alla Trevigliese e, per rimettersi in gioco, ricomincia la sua avventura biancoceleste come allenatore dei Giovanissimi e, a scalare, fino a diventare responsabile Tecnico del Settore giovanile.

Di seguito la prima intervista rilasciata da Biancorosso caravaggino “Il mio primo obiettivo sarà quello di migliorare la qualità dei gruppi agonistici, Allievi e Giovanissimi, per riconquistare la categoria Regionale in tempi più brevi possibili. Per fare ciò, oltre a guardarci attorno e cercare la collaborazione con le società limitrofe, dobbiamo sviluppare le potenzialità fin dai primi calci e dai pulcini. Questo, chiaramente, è un programma a lungo termine che ci permetterà di affrontare nel tempo e, a viso aperto, le squadre più blasonate della nostra regione. A Caravaggio abbiamo il vantaggio di avere buone strutture a disposizione. Soprattutto ho notato una struttura societaria molto compatta e ben decisa sul da farsi. Dovremo lavorare sulla preparazione degli allenatori e dei dirigenti che ci devono dare quel qualcosa in più per farci fare il salto di categoria”

A Demis diamo il nostro benvenuto nella famiglia biancorossa.

Best webhosting site hostgator coupon and online poker on party poker
Copyright 2011 USD CARAVAGGIO - Home.
Joomla Templates by Wordpress themes free