FERSINA PERGINESE-CARAVAGGIO: 3-2

Brutta sconfitta per i biancorossi.

Fersina Perginese: Bertaccio, Faes, Ciurletti (32’ st Ouossu), Pancheri, Ischia, Tobanelli, Fiorazzo, Bazzanella, Rizzola (41’ st Di Mari), Donati, Micheli (26’ st Marzari). All. Cortese.

Caravaggio: Bertoli, Crotti (20’ st Delcarro A), Migliorati, Magrin, Forlani, Zucchinali, Lazzarini, Longo (38’ st Ambrosoni), Girometta, Sonzogni (20’ st Fornoni), Vitali. All. Crotti.

Arbitro: Sig. Capezzi (sez. San Giovanni Valdarno)

Assistenti: Cecchi e Matteoni (sez.Pistoia).

Reti: 3’ pt Girometta (C), 10’ pt Pancheri (FP), 34’ pt Magrin (C), 12’ st Bazzanella (FP), 33’ st Marzari (FP).

Ammoniti: Forlani, Sonzogni, Longo, Fornoni, Magrin (C), Ischia, Pancheri (F).

Espulsi: Cortese al 40’ pt.

Note: giornata nuvolosa, campo in discrete condizioni, spettatori circa 200, recupero 5+5.

Trento. Brutta sconfitta, probabilmente immeritata, per il Caravaggio in terra trentina. Nonostante l’ottima partenza, gol lampo di Girometta al 3’ minuto che sfrutta un preciso cross di Sonzogni dalla sinistra, i biancorossi subiscono al 10’ il pareggio con Pancheri che dal limite lascia partire un destro che fulmina il portiere Bertoli. Nuovo vantaggio dei biancorossi al 34’ con Magrin che calcia una punizione dal vertice sinistro e si infila nell’angolo alla sinistra di Bertacco.

Poi i caravaggini soffrono la pressione fisica dei locali che prima, al 12’ della ripresa pareggiano con Bazzanella e poi passano, definitivamente, al 33’ del secondo tempo con Marzari. La squadra di mister Crotti si impegna parecchio ma soffre nella fase d’attacco, dove Girometta è troppo solo. Inoltre, a centrocampo, troppo spesso i biancorossi non riescono a conquistare palla e subiscono le ripartenze dei locali. Certo che farsi rimontare due volte è un pessimo segnale per la difesa del Caravaggio. Soprattutto perché due dei tre gol sono venuti su palle inattive, dove gli esperti difensori bergamaschi avrebbero dovuto saper chiudere l’azione prima dell’intervento degli avversari. La situazione di classifica si fa difficile perché tre punti dopo cinque partite disputate sono un po’ pochi anche se le altre squadre non sono lontanissimi. Ora ci aspettiamo un pronto riscatto, già mercoledì prossimo in Coppa Italia, nella trasferta di Voghera ma soprattutto domenica prossima nella partita casalinga contro il Sant’Angelo Lodigiano.

Giovanni Spiranelli

CARAVAGGIO-LECCO:1-1

Ancora un pareggio. Troppo poco per la mole di occasioni create.

Caravaggio: Bertoli, Crotti (38’ st Delcarro F), Migliorati (34’ st Delcarro A), Magrin, Forlani, Zucchinali, Lazzarini (22’ st Morando), Ambrosoni, Girometta, Sonzogni, Vitali. All. Crotti.

Lecco : Frigerio, Redaelli, Uggè, Rudi, Asti, Mignanelli, Romeo (17’ st Rota), Rota, Castagna (42’ st Bonacina), Poi (21’ pt Maggioni), Vaglio. All. Roncari.

Arbitro: Sig. Colinucci (sez. Cesena).

Assistenti: Forlani (sez. Ferrara) e Zambelli (sez. Finale Emilia).

Reti: 19’ pt Magrin (C), 8’ st Castagna (L).

Ammoniti: Rota A, Romeo (L), Morando (C).

Note: giornata calda, campo in ottime condizioni, spettatori circa 350, recupero 0+4.

Caravaggio. Il Caravaggio soffre di sindrome da “pareggite”. Siamo, infatti, ormai al terzo pareggio consecutivo con troppe recriminazioni per le occasioni sprecate. Anche oggi al comunale, nella partita contro il Lecco, i biancorossi di mister Crotti non hanno saputo sfruttare il vantaggio e si sono fatti raggiungere dagli ospiti in una delle rare incursioni della squadra lacustre. Partono forte i biancorossi che già al 4’ possono passare in vantaggio ma il colpo di testa di Girometta esce di poco. Al 13’ e al 14’ doppia occasione per Lazzarini e Forlani, ma prima Frigerio e poi Mignanelli negano il gol ai caravaggini. Al 19’ il gol biancorosso con una punizione magistrale di Magrin che infila la palla nell’angolino basso del portiere. Nella ripresa all’8’ pareggio di Castagna viziato da un evidente fallo di mani. Al 36’ Girometta non sfrutta a dovere un assist di Delcarro e mette fuori da posizione favorevole. Al 45’ una punizione di Sonzogni viene messa in angolo da una deviazione di Frigerio. Il Caravaggio non sa vincere ma mister Crotti è sempre fiducioso nelle qualità della sua squadra alla quale chiede più concentrazione e concretezza in fase risolutiva. Ora ci attende la prima lunga trasferta in terra trentina. I giocatori ci devono andare con la volontà e la risolutezza di portare a casa una vittoria che sarebbe salutare per l’intero ambiente.

Giovanni Spiranelli

DARFOBOARIO-CARAVAGGIO:1-1

Buon pareggio per i biancorossi.

DarfoBoario: Pansera 6; Mutti 6.5 (22’ st Lauricella 6.5), Baresi 6.5, Federico Giorgi 6; Piantoni 6.5 (44’ st Speziari sv), Capelloni 7, Santinelli 6, Colombi 6; Varas 5.5, Beretta 5.5, Ademi 6 (37’ st Sarzi Amadé sv). All. Nember.

 Caravaggio: Bertoli 6; Crotti 6, Forlani 6.5, Zucchinali 7, Migliorati 6; Sonzogni 6, Longo 5.5, Magrin 6, Lazzarini 6 (44’ st Morando sv); Vitali 6 (36’ st Ambrosoni sv), Girometta 6.5. All. Crotti

Arbitro: Palermo (sez.di Bari)

Reti: 25’ st Lauricella (D), 35’ st Zucchinali (C).

Ammoniti: Baresi, Lauricella (D), Morando (C).

Espulsi: Longo (39’ pt) per doppia ammonizione.

Note: giornata umida e fresca. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori: 250 circa. Calci d’angolo: 7-4 per il Caravaggio. Recupero: 0’ e 4’.

 DarfoBoario. La partita tra il darfo ed il Caravaggio si riassume in dieci minuti nella ripresa quando i locali passano in vantaggio e poi vengono raggiunti dal gol di Zucchinali. Visto come si era messa la partita, il Caravaggio di mister Crotti ha giocato per più di un'ora con l'uomo in meno per l’espulsione di Longo, l’1-1 maturato in terra camuna alla fine accontenta un Caravaggio che ha mostrato una grande volontà di non mollare fino alla fine. I biancorossi cercano subito la stoccata vincente e trovano subito protagonista Pansera, bravo al 10’ nell’allungare in calcio d’angolo un tiro molto pericoloso di Girometta. Ancora pericolosi i bassaioli al 35’ con una velenosa punizione di Vitali. Pansera para come può deviando la palla con i piedi, arriva Longo in scivolata ma la sua ribattuta va oltre la traversa. Al 39’ la possibile svolta della partita con la doppia ammonizione di Longo: decisione affrettata del direttore di gara ma nell’episodio pesa anche l’ingenuità del centrocampista orobico. Nella ripresa il DarfoBoario cerca di approfittare della superiorità numerica e scende in campo con un animo ben più battagliero. Ci prova due volte con Piantoni che al 12’ e al 13’ ma Bertoli è bravo nello sventare il pericolo. Al 25’ passano i locali con Lauricella con una conclusione dall’interno dell’area di rigore che fulmina Bertoli in uscita. Al 35’ il Caravaggio pareggia. Zucchinali è il più lesto ad arrivare su di una palla vagante in area del Darfo ed in scivolata infila la porta di Pansera. Occasionissima per i biancorossi al 48’ con Forlani che da posizione favorevole non inquadra lo specchio della porta. Per mister Crotti “Ottima la reazioni dei miei ragazzi soprattutto, dopo essere passati in svantaggio, hanno mostrato tutta la loro volontà di raddrizzare il risultato”.

Giovanni Spiranelli

Best webhosting site hostgator coupon and online poker on party poker
Copyright 2011 USD CARAVAGGIO - Home.
Joomla Templates by Wordpress themes free